Protesta innanzi l’Auditorium di Isernia degli ex lavoratori accompagnati da Izzo Un sit-in per rammentare le istituzioni dell'attuale crisi in cui si ritrovano i lavoratori

19 Dicembre 2018 0 Di

(PressMoliLaz) Isernia, 19 dic. Sabato 22 dicembre, dalle ore 20.00, saremo davanti all’Auditorium di Isernia per accogliere tutte le autorità a modo nostro! In occasione del concerto di Natale organizzato (!) dal comune per allietare le festività, più di qualcuno avrà dimenticato che un sacco di cittadini non avrà nulla da festeggiare presi, così come sono, dal dramma della disoccupazione e del lavoro perso, non avranno certamente né la voglia, né tantomeno le possibilità, di essere presenti nel salone delle meraviglie paesaggistiche! Ma ci saranno! Eccome se ci saranno! Fuori, al freddo, ma ci saranno! Per ricordare a tutti che dimenticarsi, o peggio, ingannare i meno fortunati, non è certo da allegria da feste natalizie. L’assemblea di ieri, 18 dicembre, ha deliberato senza indugi una protesta silenziosa, composta, ma pregna di rabbia verso chi detiene il potere politico e governativo e non sta facendo niente di reale per alleviare lo stato di disagio di chi, votandoli, gli ha dato agi e popolarità. E diciamo anche basta a questo balletto da rimpallo di responsabilità tra il governo nazionale e quello regionale, se ne hanno capacità e voglia, la stessa sbandierata ad ogni piè sospinto, la finiscano di scaricare colpe o mancati provvedimenti da parte degli uni, come degli altri, hanno larghe maggioranze in entrambi i casi per trovare una soluzione nel giro di 24 ore! Ebbene si, 24 ore, perché i mesi se li sono già abbondantemente giocati senza fare nulla. E se i 5 Stelle possono accampare motivazioni a discolpa a livello regionale, hanno pieni poteri nel governo centrale, lì dove le leggi e i provvedimenti da emanare valgono per tutti senza se e ma. Ancora meno credibile la posizione dei rappresentanti della Lega i quali, a differenza degli altri, regnano a Campobasso come a Roma e da tale posizione potrebbero risolvere la situazione con uno schiocco delle dita! Ma niente, tutti sordi, ognuno a far conti per far quadrare tornaconti e programmi personali. Addirittura la Lega ha in regione una figura strategicamente invidiabile, quell’assessore alle politiche di Bojano, nonché alle politiche del lavoro, nonché segretario regionale del partito, che dall’alto della sua investitura ricevuta e benedetta dallo stesso Salvini e del quale si è sempre dichiarato amico, potrebbe con un solo battere delle ciglia, ridare il sorriso, per quanto momentaneo, a tanti onesti cittadini “italiani” che, a sentir loro, dovrebbero venire prima degli altri! La verità è che, oltre ad attuare una politica dell’odio sociale, non fanno niente per nessuno se non promesse ingannevoli. Ma c’è da dire che, se da una parte la luce della mobilità è sempre lontana, dall’altra ci sarebbe un’altra promessa fatta a gran volume dallo stesso presidente Toma il quale, dopo aver dichiarato “eccellente” la nostra proposta lavorativa nel settore della cultura e del turismo, si è defilato e non ancora ci riceve, nonostante le promesse, per mettere a punto il progetto da noi individuato per porre fine all’assistenza. Quali altri meccanismi si celino dietro questi paurosi ritardi non è dato sapere, ma vocine trasversali ci fanno giungere allarmanti ingerenze ed ostacoli da parti importanti della maggioranza e della giunta, se così fosse e lo scopriremo a breve, chiederemo le dimissioni dei colpevoli e degli affamatori dei bisognosi