M5S Roma: “Grazie a concessione immobile via degli Olimpionici ad Asl Roma 1 realizzeremo importante presidio sanitario al Villaggio Olimpico” Lo dichiara in una nota il Presidente della Commissione Patrimonio e Politiche Abitative di Roma Capitale Francesco Ardu

4 Aprile 2020 0 Di

(PressMolilaz) Roma, 04 apr. “Lo scorso 20 marzo in Giunta Capitolina è stata approvata la delibera di concessione dell’immobile di via degli Olimpionici 19, con ingresso al numero civico 17, all’Asl Roma 1 per istituire un presidio sanitario nel II Municipio.
Oggi c’è stata l’approvazione da parte della Commissione Patrimonio e Politiche Abitative (alla sua prima volta online).
Come ricordato dall’Assessora Vivarelli, si tratta di un fondamentale atto atteso da anni da tutti quegli abitanti compresi nella zona cittadina fra i quartieri Flaminio e Parioli. E’ infatti dal 2014, ovvero da quando venne chiuso il poliambulatorio Asl di piazza Gentile da Fabriano, che nel quartiere si sente la mancanza di una struttura di assistenza sanitaria e oggi, con l’emergenza Covid19 in atto, risulta essere ancora più importante. Insomma, con la delibera portata in Giunta e che presto approderà in Aula Giulio Cesare per l’approvazione definitiva, andiamo a risolvere una situazione di blocco assurdo che purtroppo si è protratta per troppo tempo e al contempo rispondiamo alle giuste esigenze del territorio e dei suoi cittadini. La concessione dell’immobile comunale alla Asl Roma 1 consentirà la realizzazione di un importante presidio sanitario al Villaggio Olimpico che potrà finalmente offrire servizi di prossimità e prestazioni a disposizione della comunità: oggetto, questo, anche della odierna Commissione Patrimonio. In questo caso l’Asl Roma 1 si occuperà anche della manutenzione ordinaria e straordinaria del bene. Si parla di un immobile di circa 130 metri quadri e 190 scoperti: finalmente andremo a colmare un vuoto che per troppi anni ha creato notevoli disagi ai cittadini più fragili, anziani e socialmente esposti.

Nella prossima convocazione cercheremo di fare una diretta streaming in contemporanea con la commissione, così che anche i cittadini possano collegarsi, nella massima trasparenza possibile”.